ELEONORA LUCCARINI


Eleonora Luccarini (Bologna, 1993) vive e lavora tra Bologna e Berlino. La sua ricerca artistica è multidisciplinare e incentrata sulle possibilità performative del linguaggio, considerato uno strumento di rivoluzione e trasformazione attraverso l’uso di finzione, ambiguità e potenzialità. Ponendo la scrittura in costante interazione con altri media, quali performance, video, animazione e scultura, la sua pratica interroga il rapporto tra parola, immagine e corpo, riflettendo le possibilità di sovversione di norme sociali e codici culturali, legate in particolare alla performatività del sé.
Recentemente ha partecipato al progetto di residenza Nuovo Forno del Pane presso MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna e al festival Live Arts Week X curato da Xing [1] . Ha esposto presso Quadriennale di Roma (2020) [2], OGR Torino (2020) [3], Cripta747, Torino (2020) [4], Anonima Kunsthalle, Varese (2018) [5] e LOCALEDUE, Bologna (2017). Si è formata presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna e l’Università IUAV di Venezia. Nel 2019 è stata selezionata tra i partecipanti a School of Expressions tenuta da Valentinas Klimašauskas, Viktoria Draganova, Julie Béna, Zuzanna Czebatul, Pavel Sterec e Wojciech Kosma presso PLATO a Ostrava (CZ). Nello stesso anno ha preso parte al workshop New Methods tenuto da Amalia Ulman presso l’Università IUAV di Venezia.


Collaborations: CONDYLURA03 (2021)