LORENZO LUNGHI

L’Antennista

PERFORMANCE



Come un pipistrello, L'Antennista si aggira rimbalzando suoni e informazioni. Veste antenne che costruisce su se stesso rispetto al contesto in cui si muove. È un rabdomante emozionale alla ricerca di frequenze, ultrasensibile alle onde elettromagnetiche, agli ultrasuoni, alla luce, ai sentimenti e paranoie.






Lorenzo Lunghi (Crema 1993). La sua pratica scultorea-performativa nasce dal DIY tra immaginario neo- luddista e alienazione fantascientifica, in una prospettiva psico-emotiva. Dopo il BFA presso l’Accademia Carrara, Bergamo (2018), consegue il MFA presso HEAD, Ginevra (2021). Ha esposto in diversi contesti, fra cui: Spazio SERRA (Milano, 2023); La Rada (Locarno, 2023); Manifattura Tabacchi (Firenze, 2022); Plattform (Kulturhaus Palazzo, 2022); Giulietta (Basilea, 2021); ANCONTEMPORANEA (Ancona, 2021); Localedue (Bologna, 2021); Palazzo delle Esposizioni (Roma, 2020); Sonnenstube (Spazio Morel, 2019). Ha fatto parte del collettivo DITTO (2016-2019), di cui citiamo le mostre: Eclissi (MACAO, Milano, 2018); Spettri (Villa Farinacci, Roma, 2018); Blind Date (Current, Milano, 2018). Dal 2019 cura mostre e workshop in spazi extraurbani: Erbacce (Brugherio, 2020); Miraggio (Fontanile Fontanone, 2019).